Business Angels: gli Angeli delle Startup e degli Startuppers

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nell’attuale condizione economica, ottenere finanziamenti per far crescere la propria azienda o per avviare la propria startup è quasi una mission impossible, specie se si chiede aiuto alle banche!

E’ in questo contesto che i Business Angels fanno il loro ingresso, venendo incontro in particolare agli imprenditori che necessitano di fonti di finanziamento per avviare la propria attività.

 

Chi sono i Business Angels?

I business angels sono degli investitori privati che apportano capitale di rischio nelle piccole e medie imprese in fase di avvio e primo sviluppo, consentendo in molti casi di tradurre le buone idee in progetti di successo.

Sono spesso ex imprenditori, ex manager o liberi professionisti che, avendo tempo o denaro a disposizione, si dedicano a nuove iniziative. Essi, infatti, supportano l’impresa non solo economicamente ma anche mediante l’apporto della propria esperienza e competenza imprenditoriale e manageriale.

Il rapporto che si viene a creare tra i Business Angels e gli imprenditori è del tutto spontaneo e basato sulla fiducia. Questa natura informale del rapporto è dovuta al fatto che questa forma d’investimento non è disciplinata da alcun quadro normativo.

 

Cosa spinge i Business Angels ad intraprendere nuove sfide?

Seguono le principali motivazioni che portano un business angel a scommettere su una start up e ad investire i propri capitali ed il proprio tempo:

  • “essere” imprenditore oltre che investitore;
  • conseguire un elevato ritorno dell’investimento effettuato (tra il 20-40% annuo);
  • dare il proprio contributo allo sviluppo economico della propria comunità e delle nuove generazioni di imprenditori;
  • interesse o passione per tecnologie specifiche;
  • forte propensione al rischio e alle nuove sfide;

 

A differenza dei Venture Capitalist, i Business Angels investono prevalentemente nelle startup che si trovano nella loro fase iniziale (per approfondimenti leggi il post sulle differente tra i VC ed i BA).

 

I BAN (business angels network)

A partire dagli anni ’90, si sono venuti a creare dei veri e propri “business angels network” (BAN), associazioni e reti locali con lo scopo di mettere in contatto business angels e imprenditori alla ricerca di capitale di rischio.

Particolare rilievo assumono il network nazionale IBAN (Italian Business Angels Network), il network europeo EBAN (European Business Angels Network) ed i Business Angel Club (BAC).

 

Cosa cercano i business angel in una startup?

Prima di decidere di investire in una specifica startup, i Business Angels fanno uno screening veloce di tutte le migliaia di startup che ne fanno richiesta per poi concentrarsi del tutto sulle poche che sono riuscite a superare questo primo filtro e che presentano prospettive interessanti.

In particolare, gli aspetti da loro considerati fondamentali sono:

  • le caratteristiche del prodotto o servizio (sia in termini di mercato che di innovatività);
  • potenziale di crescita;
  • motivazione e capacità manageriale e imprenditoriali del team;

Come attrarre l’interesse dei business angels

Riuscire a coinvolgere un business angel nel proprio progetto è per ovvi motivi molto difficile.

Di seguito alcuni consigli per rendere più appetibile la propria startup agli occhi di un business angel:

  • realizzare un elevator pitch efficace: le richieste di finanziamento sono praticamente infinite, gli investitori sono quindi obbligati a fare uno screening iniziale in qualche modo, quel modo è basato sulla valutazione degli elevator pitch.
  • redarre un Business Plan completo nei minimi dettagli: se si riesce a superare la fase di screening iniziale, il passaggio successivo è il Business Plan! Gli investitori sono interessati ai dettagli!
  • realizzazione di un prototipo o di un modello: le buone idee sono abbondanti mentre le esecuzioni ben fatte sono rare. L’esistenza di un prototipo o di un modello può aumentare notevolmente le vostre probabilità di attrarre investitori;
  • preparare una DEMO (dimostrazione) dalla forte carica emotiva: una presentazione emozionante, chiara, dettagliata ed accattivante potrebbe fare la differenza. Inoltre, questa potrebbe essere una delle poche occasioni di dimostrare anche il proprio carattere, le proprie capacità e competenze!
  • affidarsi a professionisti: legali, contabili, business advisor ed altri professionisti possono sicuramente esservi di grande aiuto nella realizzazione del vostro progetto. La vostra credibilità, inoltre, ne trarrebbe profondo giovamento!

 

Conclusioni

La strada dei business angel è da considerarsi sicuramente come una manna dal cielo per gli startuppers, considerando che le nuove attività hanno una notevole difficoltà ad ottenere risorse finanziarie, poiché non sempre posseggono le necessarie garanzie.

E’ vero, la concorrenza è tanta. La storia, però, ci insegna che una buona idea unita a buon team ha sempre trovato un suo angelo custode e questo oggi potrebbe chiamarsi Business Angel…


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tags:
4 Comments

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *