La Differenza tra un Business Angel ed un Venture Capitalist

  •  
  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi parleremo della differenza tra un business angel ed un venture capitalist, ovvero due dei principali investitori a cui le startup possono fare riferimento quando hanno necessità di reperire fonti di finanziamento per sviluppare il proprio business o semplicemente per “avviarsi”.

 

Diverse fasi di vita, diverse tipologie di investitori

Prima di addentrarci nel dettaglio delle differenze esistenti tra un business angel ed un venture capitalist, vi invito a leggere il post: “le fasi di vita di una startup”.

Per ogni singola fase di vita di una startup, esiste infatti una tipologia di investitore più adatto e man mano che si passa da una fase ad un’altra, questi investitori si avvicendano o collaborano per raggiungere obiettivi sempre più grandi ed ambiziosi.

I venture capitalist ed i business angel sono due delle principali tipologie di investitori esistenti, almeno per quanto riguarda le startup.. ne abbiamo già parlato in questi due post a loro dedicati:

 

Le principali differenze tra un business angel ed un venture capitalist

Seguono le principali differenze esistenti tra queste due tipologie di investitori:

  • Fase di vita: I business angel investono nella fase seed, mentre i venture capitalist nella fase early;
  • Settore: I Business Angels tendono per lo più ad investire in imprese che lavorano in settori che già conoscono, i Venture capitalist invece spaziano molto e danno molta più importanza ai possibili ritorni sugli investimenti;
  • Ammontare Investimento: Un business angel opera indicativamente su dimensioni di intervento tra i 10.000€ ed i 500.000€, mentre il VC opera su dimensioni maggiori, superiori quindi ai 500.000€;
  • Due diligenze: I Venture Capital trascurano le start up di piccole dimensioni in quanto l’intervento finanziario è troppo modesto per giustificarne i relativi costi. Il Business Angel invece, essendo un esperto nel settore, riesce a svolgere la due diligence in modo veloce ed a costi ovviamente contenuti, favorendo di fatto la creazione dal basso di nuove startup.

 

Conclusioni

Come si può evincere, le due tipologie di investitori sono complementari e non concorrenziali come si potrebbe pensare. Se è vero che ognuno di loro investe in una fase di vita diversa della startup, è anche vero che spesso i business angel decidono di collaborare insieme ai fondi di venture capital nella fase successiva, ovvero quella early.


  •  
  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *