Blog

Imprenditorialità

Come Aprire un Ristorante Vegetariano e Biologico


In questo articolo, vedremo il perché ed il come aprire un ristorante vegetariano biologico e tutte le difficoltà ed opportunità legate a questo particolare format di ristorazione.

 

Perché aprire un ristorante vegetariano o vegano bio?

Anche in Italia, dove regna la tradizione, il settore della ristorazione sta attraversando cambianti epocali, basti pensare all’ascesa del cibo etnico (kebab, sushi, ecc.) ed alla contemporaneamente ascesa di altri trend contrapposti come quelli legati alla ricerca di cibo sano e nutriente, biologici e possibilmente a KM0.

Vi è infine un altro aspetto, ancora più importante da considerare per questo tipo di ristorazione, ovvero che le persone che seguono una dieta vegetariana o vegana sono in continua crescita. Gli italiani che hanno deciso di privarsi di carne e di derivati animali hanno superati i 4,5 milioni!! (fonte Eurispes).

Tutti questi cambiamenti in atto stanno trasformando il mondo della ristorazione e creano di fatto nuove opportunità di business per chi è pronto a coglierle, anche nelle città di provincia! Considerando anche il fatto che ad oggi i ristoranti vegetariani sono ancora pochi, aprire questo tipo di format ristorativo è da considerarsi senz’altro una buona idea di business.

 

La differenza tra un ristorante vegetariano ed un ristorante tradizionale

La differenza sostanziale tra un ristorante vegetariano ed uno tradizionale non sta nell’organizzazione e gestione del ristorante stesso, ma bensi nella tipologia degli ingredienti utilizzati. La preparazione dei piatti vegetariani richiede uno nuovo tipo di chef con nuove competenze.. sostituire carne, formaggi, uova, ecc. non è per nulla semplice e scontato.

 

Investimento previsto per aprire un ristorante vegetariano bio

 

Burocrazia e normativa italiana
I Ristoranti rientrano tra le attività di somministrazione di alimenti e bevande e pertanto sono tenuti a rispettare gli “obblighi di legge previsti per il settore ristorazione”. Questo costo può variare dai 500€ ai 2.500€.

Spese iniziali
Aprire una qualunque attività ha dei costi, talvolta molto elevati. Il primo costo che dovrai sostenere è quello relativo alla costituzione della società. Questo costo può variare dai 500€ ai 10.000€.

Arredamento, Cucina, Attrezzature ed altri costi legati all’operatività
E’ difficile definire dei costi standard, poiché il costo può variare in base ai costi legati alla progettazione del locale, lo stile che si intende dargli, ecc. Sono ad ogni modo necessari almeno i seguenti costi:

Arredamento, Cucina, Elettrodomestici e Attrezzature40.000€
Ristrutturazione del locale (se necessario)15.000€
Stoviglie, piatti, bicchieri e divise10.000€

 

I rischi legati all’apertura di un ristorante veg

Non è nostro compito dirti se aprire o non aprire un’attività come questa, ma di informarti su i pro ed i contro a cui si va incontro. Dopo aver visto quali sono gli investimenti minimi necessari per poter aprire un ristorante, è bene quindi comprendere anche quali sono i rischi legati a questo tipo di attività.

Investimento elevato
Oltre ai 50.000€/60.000€ necessari come minimo per poter avviare l’attività, bisogna considerare anche i costi legati agli stipendi, alle materie prime, all’eventuale affitto, ecc. L’investimento complessivo necessario è pertanto elevato e prima di procedere è bene prenderne piena consapevolezza.

Competenza ed esperienza minima
Fare il ristoratore è un mestiere mooolto difficile e richiede grandi sacrifici (anche in termini di tempo libero). Se non hai alcuna esperienza nel settore è meglio fare prima un po’ di esperienza..

Location adeguata
Trovare una location adeguata e con un buon parcheggio non è affatto semplice ed allo stesso tempo è di vitale importanza per la sopravvivenza dell’attività.

Concorrenza agguerrita
La concorrenza nel settore della ristorazione è veramente tanta. Differenziarsi con la proposta bio e veg è sicuramente un’ottima scelta, ma questo non basta da solo ad avere la meglio sui propri concorrenti.

 

Conclusioni

Come già detto, i cambiamenti in atto stanno trasformando il mondo della ristorazione, ma la maggior parte dei ristoratori italiani “old style”, ancora non ha capito il motivo della contrazione del proprio business degli ultimi anni. Sempre più ristoranti tradizionali chiuderanno e lasceranno uno spazio libero, ma riuscire a prenderselo non è semplice, occorre qualcosa di innovativo e che incontri i nuovi gusti e i nuovi trend emergenti.


Leave your thought here

Newsletter di Imprenditore Globale

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato sul mondo del business e dell'imprenditorialità.