Controllo Partita Iva: Ecco Come Verificare la P.Iva di un’Azienda

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Negli ultimi anni, grazie a internet ed alle nuove tecnologie, la pubblica amministrazione si sta avvicinando sempre più alle esigenze dei cittadini.

Tra i servizi di cui oggi è possibile usufruire gratuitamente e direttamente dai portali degli enti pubblici vi ne è uno molto utile per chi ha un’attività in proprio ed è il “Controllo partita iva”. Vediamo come funziona.

 

Cos’è la partita iva?

La p.iva è un numero identificativo della posizione fiscale di un contribuente, sia esso persona fisica o persona giuridica. Questo “numero”, che si compone di 11 cifre, identifica un’attività economica (sia impresa che attività professionale) e deve essere indicata fra gli altri nei propri documenti fiscali (fatture, ricevute fiscali, scontrini).

 

Qual è l’utilità della verifica di una partita iva?

Gli Imprenditori e chi lavora in proprio sa bene quanto sia importante poter verificare la reale esistenza di un’attività economica con cui si entra in contatto, fornitore o cliente che sia.

Negli ultimi anni, inoltre, le imprese lavorano sempre più sfruttando la rete e addirittura in alcuni casi senza nemmeno conoscersi telefonicamente! È, quindi, una necessità appurare le credenziali di coloro con cui si stanno intrattenendo rapporti di lavoro!

Fino a qualche anno fa, verificare qualsiasi tipo di informazioni sui propri fornitori e clienti era un’impresa molto ardua, bisognava recarsi fisicamente all’agenzia delle entrate con inutili sprechi di tempo e di denaro.

Grazie ad internet e ai social network la ricerca di informazioni con cui decidere se fidarsi o meno di determinate imprese o professionisti è stata semplificata al massimo! Oggi, è possibile effettuare queste ricerche tramite Google e addirittura effettuare lo stesso identico controllo della partita iva dei propri fornitori e clienti sul portale dell’Agenzia delle Entrate!

Si tratta di un servizio dalla grande utilità e per il cittadino nella verifica dell’attività di un libero professionista e per le imprese nella scelta delle loro collaborazioni.

 

Come effettuare il controllo di una partita iva?

L’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione uno strumento per la ricerca e la verifica di una partita iva all’interno del suo sito istituzionale, accessibile gratuitamente da chiunque.

 

Per poter effettuare una verifica occorre:

Andare sul servizio di verifica partita iva dell’agenzia dell’entrata (https://telematici.agenziaentrate.gov.it/VerificaPIVA/VerificaPiva.do);

verifica partita iva
management
  • Digitare la partita iva che si vuole controllare nell’apposito campo;
  • Digitare il codice di sicurezza all’interno dell’apposito campo;
  • Cliccare sul pulsante INVIA.

 

In pochi secondi l’applicativo mostrerà a video:

  • Se la partita Iva è ATTIVA;
  • La Denominazione della società o il nome del professionista;
  • La data di inizio attività.

 

Il servizio di controllo delle partite iva comunitarie

Per chi effettua transizioni con i Paesi membri dell’Unione Europea, l’Agenzia delle Entrate offre un servizio aggiuntivo che consente di verificare la validità del numero di identificazione IVA dei loro fornitori e clienti all’interno del paese d’interesse.

I sistemi fiscali degli stati dell’EU sono infatti collegati tra di loro e per poter effettuare il controllo basta quindi:

  • Andare sul servizio di verifica partita iva comunitaria dell’Agenzia dell’Entrate (http://www1.agenziaentrate.gov.it/servizi/vies/vies.htm?p&s=IT)
  • Selezionare lo stato in cui si vuole effettuare la ricerca;
  • Digitare la partita iva che si vuole controllare nell’apposito campo;
  • Cliccare sul pulsante INVIA.

 

La verifica di una partita iva partendo dal nome dell’azienda

Nel caso si volesse risalire alla partita iva di un’azienda partendo dalla ragione sociale, il discorso si fa un po’ più complicato!

Come visto, i servizi di verifica partita iva dell’Agenzia dell’Entrate permettono di estrapolare alcuni dati aziendali partendo dal numero identificativo della partita iva, ma purtroppo non è possibile fare l’inverso! Cosa fare quindi in questi casi?

Sulla rete esistono diversi siti che offrono questo servizio, ma le loro banche dati non sono sempre affidabili e sono in ogni caso limitate alle imprese che vi sono iscritte! Nei fatti l’unica banca dati affidabile è quella della “Camera di Commercio” ed il sito di riferimento gratuito è infoimprese.it

Si tratta di un’iniziativa delle Camere di Commercio italiane volta ad offrire su Internet un luogo dove trovare tutte le imprese italiane.

* Una precisazione è d’obbligo, l’iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio non è obbligatoria per tutte le tipologie di attività e/o forme giuridiche e pertanto la ricerca potrebbe comunque dare in alcuni casi esito negativo a prescindere dall’esistenza o meno dell’attività.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *